Raggio: Chiuso
Raggio:
km Set radius for geolocation
Cerca

Puntagorda, La Palma

Puntagorda, La Palma

Puntagorda, La PalmaPuntagorda

Puntagorda si trova nella parte nord occidentale dell’isola di La Palma. Ha una superficie di 28 chilometri quadrati e a nord confina con Garafia e il Barranco di Izcagua e a sud con Tijarafe e il Barranco di Garome, due straordinarie depressioni che circondano questo paese collinare che si trova a 2.200 metri dal livello del mare.  

Il clima di Puntagorda è secco e le precipitazioni sono abbondanti. I primi coloni hanno lasciato delle interessanti tracce del loro passaggio, resti di edifici e materiali per la costruzione di diversi oggetti ed opere edilizie.

Nel XVI secolo, secondo le fondi storiche, fu istituito il primo insediamento storico nei pressi di San Amaro, dove fu costruita una delle prime chiese dell’isola. La popolazione, in gran parte coloni portoghesi, hanno fatto loro il quartiere di San Amaro e vi costruirono basse case con tetti di paglia e si dedicarono all’allevamento.

La mancanza di acqua li costrinse a costruire cisterne per la raccolta di acqua piovana. Da sempre l’industria di Puntagorda è prevalentemente legata alla produzione di pece, al commercio di legname e alla coltivazione di cereali e frutta. La crisi economica che ha vissuto questo paese nel XIX e nel XX secolo ha portato molti abitanti a lasciare Puntagorda e andare in altri comuni.
Oggi a Puntagorda si può vivere bene con una popolazione rinata e un aumento del benessere.

Cosa vedere a Puntagorda

Panorama Puntagorda, La Palma

Sono diversi i luoghi interessanti di questo comune a nord dell’isola di La Palma.
Come la maggior parte dei comuni di La Palma anche per Puntagorda a fare da padrona è la natura. Degli scorci tanto belli quanto emozionanti che nessun pittore o architetto avrebbe saputo fare meglio. Un vero e proprio spettacolo dove la natura è regista e protagonista indiscussa. Partiamo da “Los Dragos Centenarios”.

Los Dragos Centenarios

Los Dragos Centenarios

Tra le gole profonde scavate nella terra dai flussi piroclastici si fa posto una strada che porta alle argille rosse.
Il quartiere è quello di El Roque e da qui si può vedere la distesa di alberi oltre che fantastici paesaggi fatti di ripidi pendii e grandi vallate. Ammirando questi centenari alberi si riesce quasi a tornare indietro nel tempo in un’atmosfera magica e lontana. È impressionante la loro grandezza e la loro longevità e quasi emoziona pensare alla loro esistenza indietro nei secoli.

La parte superiore di Puntagorda è occupata da Chico Roque che si caratterizza per la presenza di pini che sembra formino un verde tappeto. Qui si coltivano di versi tipi di cereali ed ortaggi, poiché la pioggia non manca mai. Nella parte costiera il terreno scende ripidamente verso il mare e la sua bellezza è talmente tanta che questa zona è stata dichiarata Monumento Naturale. La zona del porto è possibile raggiungerla tramite stretti sentieri e una volta lì si troveranno pescatori da non disturbare circondati da berte, gabbiani e falchi pescatori che nidificano da queste parti.

Fayal

Fayal Puntagorda, La Palma

Il Fayal è una roccaforte di alberi secolari che formano magnifiche foreste con sottobosco di erica e faille (dalle quali prende il nome). È una tranquilla zona ricreativa sistemata per allegre scampagnate difatti si trovano griglie, tavoli e un piccolo parco giochi. La vicinanza al centro abitato lo rende molto popolato.

Per osservare tutta questa meraviglia basta recarsi al belvedere di Miraflores. Le case, i campi, i vigneti, i frutteti, colline e pianure, le scogliere bagnate dal mare, le alte cime e il vasto oceano, tutto potrà essere accarezzato dal nostro sguardo.

Un altro posto da visitare prima di andare via da Puntagorda è la vecchia chiesa di San Amaro. Questa piccola chiesa si trova nella parte bassa della città, oggi silenziosa ed isolata. Costruita nel XVI secolo divenne parrocchia nel 1617. È qui che si trovano i percorsi più antichi del paese, che attraversano tutto San Amaro.

La chiesa è restata aperta al culto fino alle 1951 ma le limitate risorse economiche e la sua posizione ne hanno determinato l’abbandono e l’oblio. Attualmente è in restauro. La chiesa di San Amaro è circondata da terreni agricoli irrigati dalle acque del bacino del Monte Palomar e a pochi metri vi è anche la vecchia casa parrocchiale. La nuova chiesa parrocchiale di San Amaro (San Mauro Abate) si trova a El Pinar.

Iglesia San Amaro Porto Puntagorda, La Palma

Molto caratteristico è anche il mercato di Puntagorda, molto popolare nei pressi di El Fayal. Qui si possono trovare prodotti come frutta, verdura, formaggi, salumi, miele, vino e tanti altri prodotti tipici della zona.

Altre curiosità su Puntagorda

Per addentarci e conoscere ancora di più Puntagorda ci sono diverse curiosità da conoscere. Molto importante è, per questo comune come per tutta l’isola di La Palma, la produzione di miele.
In quest’isola si produce il miglior miele di tutta la Spagna e Puntagorda è un’eccellente produttrice
.

L’arte dell’apicoltura è molto praticata e richiede vari e specifici accorgimenti. I colori e il sapore del miele variano a seconda del fiore e la raccolta è molto complessa. È per questo che questo mestiere è considerato una vera e propria arte anche perché da vita ad un alimento molto nutritivo e buono.

Per ciò che concerne i festeggiamenti Puntagorda oltre alle tradizionali feste cattoliche celebra il suo patrono che è San Mauro Abate. Questa festa cade la seconda metà di agosto durante la quale l’immagine del santo viene portata in processione dalla nuova alla vecchia chiesa.

Città piena di fascino dove il vecchio si sposa con il nuovo e la natura impera. Un antico insediamento dove antiche e sagge tradizioni rendono l’ambiente quasi magico.

Un percorso per rivivere le atmosfere è quello di El pino de la Vergine, una strada che conduce alla chiesa di San Amaro, arriva al belvedere per finire a Fayal. Un itinerario davvero incantevole al quale si aggiunge quello che parte dal villaggio di La Rosa passando per diversi terreni coltivati fino a giungere alle alte quote.
Due itinerari per scoprire Puntagorda e viverne la sua essenza.

Dettagli Explora Canarias

Redazione ExploraCanarias. Guida turistica delle Isole Canarie.

Commenti 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Su questo sito utilizziamo i Cookie secondo le finalità indicate nella nostra Cookie Policy. Prima di continuare ti chiediamo di fornirci il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi