Raggio: Chiuso
Raggio:
km Set radius for geolocation
Cerca

Biennale Architettura Arte e Paesaggio delle Isole Canarie

Biennale Architettura Arte e Paesaggio delle Isole Canarie

biennale-architettura-arte-e-paesaggio-delle-isole-canarieLa Biennale di Architettura, Arte e Paesaggio delle Isole Canarie

Nel 2006 il Governo delle Canarie ha organizzato la Prima Biennale di Architettura, arte e paesaggio delle Isole Canarie, un evento di portata internazionale, con un ricchissimo programma, che aveva come particolarità quella di essere distribuito fra spazi e paesaggi di tutte e sette le isole dell’arcipelago canario.

Storia della Biennale a Tenerife

Nata come occasione per la condivisione di idee, ma anche e soprattutto come momento di riscoperta dell’importanza del paesaggio e della necessità di trovare nuove soluzioni creative, capaci di rendere il nostro futuro migliore ed in armonia con l’ambiente in cui viviamo, la Biennale vuole anche sottolineare le peculiarità del paesaggio canario e ricercare tutte quelle opportunità che le Canarie, territorio piccolo ma con un indice di popolazione in costante aumento, possono sfruttare incentivando lo sviluppo delle capacità creative ed intellettuali dell’individuo.

La prima edizione della Biennale di Architettura, arte e paesaggio delle Canarie aveva come tema principale “L’uomo ed il suo ambiente”, e mirava a coinvolgere creativamente la popolazione canaria, sia residenti che visitatori, in una riflessione sulla conservazione dell’ambiente rurale, noto nel mondo per la sua bellezza e varietà, ma anche a promuovere gli interessi delle diverse comunità canarie, rappresentate dalle sette isole, metafora della diversità dell’uomo (visto come una sorta di microcosmo) in relazione all’ambiente (un macrocosmo da preservare e valorizzare).

Se la prima Biennale indagava il rapporto fra uomo e ambiente, la seconda edizione, svoltasi nel 2009, voleva invece riportare l’attenzione sulla necessità di ascoltare ciò che la natura vuole comunicare, e quindi il “silenzio” è stato scelto come tema principale di tutto l’evento. Silenzio inteso come “tacere”, come aiuto ad un ascolto migliore, come mezzo per ascoltare il suono del mondo.

Questa seconda Biennale voleva spingerci a fare una pausa per essere poi in grado di percepire gli elementi che sono precedentemente sfuggiti alla nostra attenzione, per individuare gli elementi mancanti e comprendere ciò che è necessario e ciò che è superfluo nella continua ricerca che ci spinge a rendere il territorio un luogo sempre più vivibile ed adatto alle nostre esigenze, senza deturparne però la sua natura: il silenzio utilizzato quasi come un freno alla smania di dominare la natura a nostro piacimento.

L’evento del 2009 è stato un momento di incontro e di analisi approfondita delle contraddizioni e dei conflitti che spesso intercorrono fra i progetti di architettura urbana ed il paesaggio che dovrà ospitarli, nel tentativo di ricongiungere l’uomo con la natura.

Dopo il successo ottenuto dalle edizioni precedenti è stata organizzata anche una terza edizione della Biennale, che è attualmente in svolgimento.

Il titolo della Biennale di Architettura, arte e paesaggio di quest’anno è “In un’altra realtà: Percorsi e deviazioni” e vuole portare l’attenzione sul concetto storico culturale di paesaggio e sul legame che quest’ultimo ha con il territorio. Saranno coinvolti nella discussione tutti i settori culturali che, con la loro continua crescita ed evoluzione, influenzano il paesaggio, e tutta la dissertazione avrà come fil rouge il tema del viaggio, perché il viaggio permette non solo di rinegoziare più volte la meta, ma anche di attraversare e scoprire paesaggi nuovi e sempre diversi, che spingono l’uomo a sviluppare le capacità percettive e che spesso necessitano, per essere compresi, di un approccio differente. Il viaggio, secondo gli organizzatori, permette di comprendere ciò che si cela dietro il paesaggio.

La programmazione della terza Biennale svilupperà le diverse prospettive che il viaggio assume nelle varie culture occidentali e le idee che spingono a modificare i percorsi abituali, riconoscendo però alcuni parametri invariabili, che rappresentano il punto fisso da cui si parte e al quale si ritorna e che è poi il luogo fondamentale che incapsula il viaggio e che sempre sarà la sua soglia di riferimento.

Il viaggio come argomento di riflessione, il territorio come mezzo fisico e il paesaggio come quadro concettuale e culturale.

Per questo motivo sono stati ideati diversi itinerari, ognuno dei quali andrà ad indagare aspetti peculiari di paesaggi fra loro profondamente dissimili e legati a concetti e concezioni del mondo contemporaneo: si andrà quindi a seguire dei percorsi che permetteranno di mostrare molti dei suggestivi landescape dell’arcipelago canario. I nomi scelti per i percorsi sono:

  • Icone e Pellegrinaggi
  • I luoghi del sogno
  • Attraversamenti e Città dei migranti
  • Cartografia della deviazione: Nuove Geografie
  • Equazioni future
  • Scale e Scenari

Poiché l’architettura deve confrontarsi con il territorio prima di poter attuare i propri progetti, il viaggio assume un’accezione critica e i diversi itinerari divengono un mezzo di interazione con il paesaggio.

Ogni edizione della Biennale di Architettura, arte e paesaggio delle Canarie, si è posta come evento di natura interculturale e multidisciplinare, che attraverso l’arte e l’architettura desidera valorizzare ancor di più il paesaggio canario, senza però sottovalutare il valore storico culturale del paesaggio stesso e il legame indissolubile che questo ha con ambiente e territorio. Una riflessione su tutti quei settori della cultura che sono in grado di influenzare la costruzione e la modificazione del paesaggio, con un unico obbiettivo finale, quello di rinnovarsi senza trascurare l’impatto ambientale delle opere.

Dettagli Explora Canarias

Redazione ExploraCanarias. Guida turistica delle Isole Canarie.

Commenti 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Su questo sito utilizziamo i Cookie secondo le finalità indicate nella nostra Cookie Policy. Prima di continuare ti chiediamo di fornirci il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi